• logo campus400x55
  • mineo ferramenta400x60

Calcio, la terribile matricola Sant'Anna sogna l'Eccellenza

Scritto da Redazione on . Postato in Sport

Probabilmente nemmeno il tifoso storico Tommaso Castronovo sarebbe stato in grado di pronosticare ad inizio campionato un Sant'Anna che torna mangiandosi le mani dopo un pareggio oppure una sconfitta colta con Cephaledium

angelo tomasello o Acquedolci prima e seconda del girone. La matricola terribile del girone B di Promozione sta facendo brillare gli occhi ai propri sostenitori anche se quest'anno costretti a seguire lontani dalle mura di casa i loro beniamini a causa dell'inaggibilità del loro terreno di gioco e mettendo in seria difficoltà tutti gli avversari. Dopo aver preso le misure con la categoria, i gialloverdi del tecnico bagherese Angelo Tomasello hanno inanellato risultati positivi a gogò e sognano attraverso i play-off di giocarsi la partita piu importante, l'accesso al campionato di eccellenza.

La squadra del presidente Aurelio D'Amico ha già affrontato Ganci, Milazzo, Bagheria e Santangiolese quartetto che, insieme ad Acquedolci e Cephaledium, componevano alla vigilia del campionato il roster delle squadre più accreditate per la vittoria finale. A quattro gare dal giro di boa, i flavesi si trovano in piena zona play off e, soprattutto, con il rammarico delle clamorose rimonte subite nel primo scorcio del torneo.

 marinoIn un girone composto da realtà che hanno scritto la storia del calcio siciliano, la "matricola" sta raccontando la sua favola, portando in alto il nome di un hinterland in cui il calcio ormai manca da anni.E stata cura del direttore Salvo Provenzano mettere a dispozione del tecnico Angelo Tomasello i migliori giovani, in evidenza Di maria 2001, Nasca e Tantillo 2000, Prestifilippo Zarcone Fiore e D'Amico 99, un altro dato importante le reti realizzate 44 col terzo migliore attacco proprio dietro le prime due Cephaledium e Acquedolci. Un esame di maturità importante per tutto l’ambiente che ha ormai capito che, al di là dei nomi, sono gli uomini e le motivazioni a fare la differenza. Per il Sant'Anna nessun traguardo sembra essere proibitivo.