• frase guttuso1
  • frase buttitta1

Laura Picciurro sospesa e senza stipendio per altri 6 mesi

Sospesa per altri 6 mesi la dottoressa Laura Picciuro, dirigente e responsabile del settore lavori pubblici del Comune.

Il provvedimento è stato emesso dal sindaco Patrizio Cinque, su proposta del segretario generale Eugenio Alessi, dopo il parere del comitato dei garanti ed  in questo periodo non percepirà lo stipendio.

La dottoressa Picciuro è attualmente sospesa per 5 mesi dopo un procedimento analogo emesso lo corso mese di giugno che sarebbe dovuto finire nei prossimi giorni.

Il nuovo provvedimento decorrerà dal prossimo 17 novembre.
Il segretario ha emesso il provvedimento a seguito della relazione stilata dal comitato dei garanti composto dal dottor Giorgio Castelli, l’avvocato Vincenzo Vitale e dal comandante della polizia municipale Costantino Di Salvo, riunitosi nei giorni scorsi.
Alla base del nuovo provvedimento ci sono alcune inadempienze della dottoressa Picciurro per mancata ottemperanza di assunzione di impegno di spesa e stipula di contratti inerenti il servizio di noleggio e mezzi per i rifiuti.
In altre parole la dirigente avrebbe stipulato l’affidamento del servizio alla ditta Mar Service srl senza impegno di spesa e senza contratto, per il servizio di nolo senza conducente di automezzi, per la somma di 153.485,50 euro, Iva compresa, per il periodo che andava dal mese di ottobre al mese di dicembre del 2013, con un ritardo di 21 mesi, quando il 15 luglio venne contestata l’inadempienza.
L’inadempienza provocherà un debito fuori bilancio che dovrà essere sanato successivamente dal consiglio comunale.
Il segretario generale, responsabile dell’ufficio per i procedimenti disciplinari, ha quindi disposto la sospensione di 6 mesi e la sospensione anche dello stipendio.
Lo scorso mese di giugno la dottoressa Picciurro era stata sospesa per la mancata
firma del contratto con la SER.ECO che avrebbe dovuto essere stipulato entro il 25 maggio 2014, impedendo il pagamento di una fattura già presentata dall’azienda e la mancata trasmissione nei termini, dei dati previsionali di entrata e di spesa per il bilancio 2015.